NEWS

26.06.2017 In ricordo di Stefano Rodotà - Un pensiero di Maurizio Fioravanti

Se n'è andato, venerdì 23 giugno, all'età di 84 anni, un protagonista della nostra vita pubblica ed un intellettuale di grandissimo valore. Abbiamo avuto l'onore di ospitare al PIN Stefano Rodotà nel maggio del 2015. Qui di seguito un pensiero di Maurizio Fioravanti, Presidente del PIN, che era legato a Rodotà da una sincera e profonda amicizia.

"E’ morto Stefano. E’ questo un fatto  nudo  e crudo. Si deve per forza accettare un futuro più povero perché privo della parola di Stefano. Se penso all’infinità di questioni affrontate insieme, dalla riservatezza alla responsabilità, prima sotto il profilo suo, che era quello civilistico, e poi nel quadro più ampio della Costituzione, mi accorgo subito di una verità elementare: che saremo tutti  più soli e poveri. Dico questo ricordando l’intervista che Stefano rilasciò alla nostra  radio universitaria, a Radio Spin. In quella occasione gli fu chiesto come era nata la nostra amicizia. E Lui, sorprendendo tutti, disse che la sua era un’amicizia “interessata“, poiché, essendo Lui di formazione civilistica, non sempre si sentiva sicuro nel sostenere certe impegnative tesi di ambito prettamente costituzionalistico, e lì, in quel preciso momento chiamava il Suo amico Maurizio, per avere conforto.  In quei due giorni tra Prato e Firenze fu Lui a regalarmi emozioni indimenticabili: i 400 universitari a Novoli in piedi ad applaudirlo, l’Aula Magna di Prato strapiena. Un contatto vero con la gente che lo fermava, e gli gridava: “Non mollare!“. E Lui ascoltava tutti, si lasciava fotografare, stava davvero in mezzo al popolo. Ed oggi che la crisi della democrazia rappresentativa è arrivata al suo punto più alto, rimpiangeremo tanto soprattutto questa sua popolarità, che era fatta di cose semplici, e di tanta, tanta passione per la Repubblica. Infine, se mi è concessa una nota personale, vorrei ricordare la sua semplicità, il piacere con cui mangiava i cibi preparati da Barbara, mia moglie, insieme a Carla. A quest’ultima va un pensiero speciale di tutti noi. Lei sa che a Prato Stefano non sarà mai dimenticato."

Maurizio Fioravanti