Path: Settori di interesse»Healthcare

Healthcare

Nel settore sanitario è aumentata sempre di più negli ultimi anni l’esigenza di gestire il rischio clinico e la prevenzione dell’errore medico. La necessità di tenere sotto controllo tale fenomeno ha portato all’adozione da parte di molte strutture sanitarie di strategie volte ad eliminare o limitare il più possibile il rischio di insorgere di problematiche ed errori nel processo di assistenza al paziente, dam momento del suo ingresso in ospedale fino alla sua dimissione.

Secondo la legislazione vigente, su ogni farmaco deve essere apposto un bollino farmaceutico dedicato alla tracciabilità del farmaco stesso.
Il bollino deve riportare la stampa delle seguenti informazioni:
-    Codice A.I.C. della confezione
-    Denominazione del medicinale
-    Titolare dell’autorizzazione o legale rappresentante del titolare estero
-    Codice recante la numerazione progressiva della confezione sia mediante la tecnica di rappresentazione a barre, sia in chiaro.
I codici progressivi vengono letti in due momenti ben distinti: in fase di registrazione e successivamente nel punto vendita dove avviene la restituzione di una parte della matrice.
La decodifica del codice avviene mediante l’uso di dispositivi automatici di lettura ottica del codice a barre e/o in chiaro.
Tutte le altre fasi intermedie della catena distributiva (presso le aziende intermedie e le farmacie in fase di ricevimento della merce) devono comunque essere adeguatamente monitorate attraverso degli elenchi riportanti i prodotti ed i relativi codici di numerazione progressiva.
Ogni processo di accettazione della merce attesta la corretta individuazione e numerazione dei prodotti consegnati, con conseguente assunzione di responsabilità in ordine al loro impiego successivo.


Il ricorso ad una tracciabilità completamente informatizzata consente di semplificare le operazioni di lettura, archiviazione e trasferimento dei dati dei codici progressivi dei medicinali, risultando di grande utilità sia per le società produttrici, sia per le aziende di distribuzione intermedia che, si vedrebbero semplificate delle procedure oggi onerose, in termini di tempi e personale, ed anche poco affidabili.
L’applicazione dell’Rfid alla logistica dei prodotti farmaceutici si basa sulla possibilità di memorizzare il contenuto informativo delle confezioni farmacologiche direttamente sui tag.

Inoltre la tecnologia Rfid , consente il passaggio in tempo reale delle informazioni verso la Banca Dati Centrale informatizzata, per il monitoraggio e controllo dei farmaci immessi in commercio in Italia e la limitazione delle frodi a danno del Servizio Sanitario Nazionale.

Soluzioni Rfid per la logistica in campo sanitario:
    
-    Gestione centralizzata delle scorte e del magazzino
-    Gestione unificata dei dati di codifica, inventario, pianificazione e movimentazione dei prodotti farmaceutici.
-    Gestione dei processi di richiesta, ripristino scorte ed evasione ordini tra le diverse strutture ospedaliere e il magazzino centrale.
-    Tracciabilita’ dei referti medici e delle cartelle clieniche
-    Identificazione dei pazienti
-    Traccibilita’ degli strumenti sterili
-    Tracciabilita’ delle sacche di sangue per la sicurezza delle trasfusioni

Vantaggi dell’impiego del Rfid nella logistica sanitaria:

-    Riduzione del rischio per i pazienti
-    Prevenzione errori di somministrazione
-    Monitoraggio in tempo reale delle terapia
-    Rintracciabilità di strumenti e materiale sanitario e anticontraffazione
-    Riduzione della spesa sanitaria
-    Riduzione scorte
-    Riduzione costi di gestione
-    Ottimizzazione delle risorse disponibili

To top