Facebook

Progetto Prato
Regione Toscana Pin Scrl - Polo universitario città di Prato





Presentazione di Trame di quartiere!

Il progetto Trame di Quartiere si presenterà alla cittadinanza venerdì 27 alle 17:30 al Circolo di San Paolo. I responsabili del progetto Massimo Bressan, Sara Iacopini e Massimo Tofanelli illustreranno i primi risultati del progetto e le attività in programma.

La serata vedrà anche la partecipazione del referente del Progetto Prato per la Regione Toscana Vinicio Biagi e sarà moderata da Andrea Valzania. Previsti anche gli interventi degli assessori del Comune di Prato Simone Faggi e Valerio Barberis. In occasione dell'incontro ci sarà un confronto sul tema della gestione della diversità a Prato.

 

 

Trame di quartiere

Trame di quartiere, realizzato da Iris, è parte della Linea “Quartieri Inclusivi” del Progetto Prato. Il progetto si realizza nei quartieri di San Paolo e Macrolotto 0, e interviene sul tema della gestione della diversità.

In una città come Prato, la quale ha subito cambiamenti drammatici nel suo tessuto urbano, economico e sociale, alcuni quartieri sono stati colti di sorpresa da trasformazioni fuori dalla portata del controllo locale. La trasformazione fisica dei quartieri e le mutazioni profonde nel suo tessuto sociale, hanno richiesto una riflessione sul tema della gestione della diversità sociale, spesso trascurato da pubbliche amministrazioni e decisori, che il progetto Trame di Quartiere vuole affrontare e portare alla ribalta.

Trame di quartiere animerà i quartieri di San Paolo e Macrolotto 0 nel corso di tutto il 2015 con interessanti attività che hanno l’obiettivo di coinvolgere cittadini e organizzazioni nella gestione della diversità sociale, riflettere sulla memoria di un quartiere che si è trasformato così rapidamente da non riuscire a tenere traccia del passato. Con una serie di workshop, laboratori e ricerche, Trame di Quartiere costruirà la memoria di San Paolo e Macrolotto 0. Dalle testimonianze sugli immigrati meridionali, all’arrivo dei cittadini cinesi, verranno raccolte testimonianze per costruire un archivio che tenga memoria di questa parte della città attraverso tecniche comunicative sperimentali.